• Eliana Pagliardi

Esercizi da fare in casa per non perdere la manualità e la buona scrittura


Esercizi da fare in casa per non perdere la manualità e la buona scrittura • In questo periodo di forzata permanenza in casa, considerando anche il tempo a disposizione che tutti noi abbiamo, sarebbe bene far esercitare i bambini a casa per non perdere la manualità e eventualmente per cercare di migliorare la loro scrittura in vista della riapertura delle scuole. • Bisognerebbe quindi lavorare per prima cosa sulla motricità fine, ecco qualche esercizio

• Tamburellare le dita della mano scrivente un dito dopo l’altro. • Stesso esercizio alternando le dita. • Stesso esercizio con l’altra mano e poi con le due mani contemporaneamente. Questi esercizi sono utili anche per il ritmo, perché si possono tamburellare le dita con velocità diverse. • Roteare una pallina o una biglia tra le dita in un senso e nell’altro. • Opporre i polpastrelli dei pollici a ogni dito. • Il mimo: il bambino imita con le mani (le ruote del treno, il rubinetto che si apre/si chiude, la chiave che apre/chiude la porta, l'uccellino che becca un seme, la tromba, la farfalla, il ragno, il fuoco). • Costruire piccole palline di plastilina e/o das, e lanciarle verso un bersaglio prima con pollice e indice, poi con pollice e medio e così via. • Fare collage • Fare origami( si possono trovare dei video- guida su youtube) • Ritagliare forme • Costruire oggetti con plastilina, pongo, das • Disegnare • Colorare mandala (oltre ad essere utili per la motricità fine, aiutano la concentrazione e sono rilassanti) • Riempire un vassoio con del riso e far tracciare al bambino con le dita o con tutta la mano delle forme pregrafiche(coppe, archi, onde, occhielli ecc.)

Per la scrittura possono essere molto utili anche i tracciati scivolati

• I tracciati scivolati eseguiti su fogli grandi, in piedi su fogli grandi attaccati al muro o seduti al tavolo, aiutano i bambini a sviluppare la scioltezza del gesto e a sciogliere eventuali tensioni a livello di articolazione dell’arto scrivente (dalla spalla fino ad arrivare alle dita della mano). Costituiscono quindi un’ottima palestra per far acquisire ai bambini una grafo-motricità fluida e rilassata, esente da pericolose contratture, che col tempo potrebbero cristallizzarsi.

• Si tratta inoltre di attività piacevoli, che danno ai bambini gioia e piacere.

• Si utilizzano fogli 40x50 e pastelli grossi (triangolari od esagonali a mina tenera).

• Esistono due tipologie di tracciati scivolati:

• quelli liberi

• quelli in cui il bambino deve ripassare su forme precedentemente preparate, fino ai tracciati con le lettere.



Il tracciato NON deve essere ripassato esattamente, l’obiettivo non è la precisione ma il gesto (chiedere un tracciato di 3-4 dita di spessore).

Quando i tracciati scivolati sono realizzati da seduti, l’ avambraccio è posto sul piano di scrittura. Il busto deve essere fermo, mostrare che più si muove il busto, più il tracciato vacilla.



Contemporaneamente ai tracciati scivolati si lavora sui pregrafismi iniziando dalla coppa, con tracciati grandi che mano a mano si riducono.








Tel 347 1894893

  • White Facebook Icon

Eliana Pagliardi

elianapagliardi@gmail.com

© 2018 by Eliana Pagliardi

P.I. 11436631003

Grafologa

Educatrice del gesto grafico

Counselor